Super User

Super User

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Di Davide Pegoraro

Il 27 dicembre 2012 è stata emanata dal Ministero dell'Istruzione, della Ricerca e dell'Università una nuova direttiva per colmare il vuoto legislativo in relazione a quegli allievi che non hanno o non possono aver diritto a una certificazione, come avviene per i soggetti portatori di handicap o di un Disturbo Specifico dell'Apprendimento (DSA). La prospettiva adottata è quella di introdurre il concetto di Bisogno Educativo Speciale. Il libro si presenta diviso in due parti: una teorica e una metodologica. Nella prima parte sono interrogati i punti cruciali della legislazione in materia, per far cogliere quali di essi possono davvero aprire a un nuovo paradigma delle difficoltà nell'apprendimento, salvaguardando l'obiettivo dell'inclusione, e quali invece potrebbero ingenerare il rischio di aggiungere semplicemente una nuova etichetta, sotto la spinta a una normalizzazione educativa di fatto addestrativa più che inclusiva. Includere, infatti, vuol dire prima di tutto far posto alla singolarità dei soggetti e non omologare a standard educativi supposti necessariamente più funzionanti di altri. Domandarsi allora che funzione svolge per un soggetto la sua difficoltà nell'apprendimento consente di non attuare interventi troppo precipitosi e che rischiano di rivelarsi espulsivi. Segue parte metodologica, con esempi pratici di didattica per la scuola secondaria di I e di II grado.

Di Julia Kristeva

1974. Julia Kristeva fait un voyage en Chine en compagnie de Roland Barthes, de Philippe Sollers. Nous sommes, dans les pays occidentaux, en plein combat féministe. La Chine vit au rythme de la révolution culturelle. En s'interrogeant sur ses ambitions, ses violences et ses non-dits, Julia Kristeva découvre le destin moderne des chinoises. Héritières d'une civilisation complexe dont ce livre retrace quelques grands moments relatifs aux femmes, elles défient la conception occidentale de l'identité sexuelle et nous incitent à penser autrement l'"homme" et la "femme", dont le pacte constitue le fondement de toute politique. Cet essai n'a pas vieilli. Il révèle la prochaine "crise de l'identité qui sera la véritable révolution d'une humanité industrialisée, délivrée de l'angoisse de procréer et de produire : ni homme ni femme, ni uni-sexe : tourbillon des heurts et des rires..." Dans sa préface d'aujourd'hui l'auteur démontre de façon magistrale que la lumière reste toujours à faire sur le fameux "continent noir", afin de refonder le lien social. En Chine comme partout, la liberté des femmes est à "réinventer" : elle est au cœur des libertés politiques.

Di Claudio Napoleoni

Una ricostruzione dei principali momenti del pensiero economico del Novecento: da Walras, Pareto, Marschall e Fischer sino alle più recenti analisi del ruolo dell'incertezza e dell'informazione in economia, passando attraverso le grando elaborazioni teoriche di Schumpeter, Keynes e Sraffa.