×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 42

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il centro di via Vanchiglia 6 a Torino è aperto per l'accoglienza nei giorni feriali dalle 15,00 alle 18,30.

  • Dove:  presso sede dell'Unione Donne del Terzo Millennio - Via Vanchiglia 6 Torino
  • Rivolto a: tutte le donne e le loro famiglie
  • Contatti:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.   - www.unionedelledonne.it  - tel.  011 263 97 10. E' attiva una segreteria telefonica con l'indicazione - nei casi di emergenza - di un numero di cellulare

Il centro di via Vanchiglia 6 a Torino è aperto per l'accoglienza nei giorni feriali dalle 15,00 alle 18,30.

  • Dove:  presso sede dell'Unione Donne del Terzo Millennio - Via Vanchiglia 6 Torino
  • Rivolto a: tutte le donne e le loro famiglie
  • Contatti:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.   - www.unionedelledonne.it  - tel.  011 263 97 10. E' attiva una segreteria telefonica con l'indicazione - nei casi di emergenza - di un numero di cellulare
Di Vittoria Franco

Che cos’è la responsabilità? Quando è nato questo termine? Ha un significato univoco? Un’etica della responsabilità è possibile? Queste le domande a cui cerca di rispondere Vittoria Franco, attraverso un’analisi delle origini del concetto, delle sue trasformazioni e dei suoi paradigmi fondamentali: giuridico, politico, filosofico-morale. Il volume muove dalle prime discussioni nelle quali prende forma il paradigma filosofico-morale, a partire dalla metà dell’Ottocento, con John Stuart Mill e i deterministi, che identificano l’essere responsabile con l’essere colpevole e la responsabilità con l’imputabilità. Fra le reazioni a tale impostazione, quelle dei kantiani e degli spiritualisti francesi, i quali propongono interpretazioni che lasciano spazio alla libertà e alla morale. Fra loro, due giovani filosofi: Lucien Lévy-Bruhl, col suo concetto di responsabilità vuota, e Jean-Marie Guyau, con la nozione di morale senza obbligo né sanzione.